Adriatico a gonfie vele

24/05/2012
10:36
Vedi Croazia; Vedi tutti i dossier di Corto e medio raggio; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: Croazia

In un periodo in cui il mare Italia si ritrova a fare i conti con i venti della crisi economica che pesano sulle tasche degli italiani (tanto da far sembrare fuori mercato la proposta balneare tricolore) l’altra sponda dell’Adriatico macina numeri in crescita anno su anno.

La Croazia, che sfugge spesso al sistema del turismo organizzato e passa dalle agenzie solo nel momento in cui i dettaglianti sono in grado di realizzare una programmazione specializzata, viaggia a gonfie vele sul fronte degli arrivi dal mercato italiano e internazionale. I flussi turistici tricolori sono cresciuti, nel corso del 2011, di 13 punti percentuali rispetto all’anno precedente in termini di arrivi, con un milione e 150mila visitatori che hanno scelto il Paese come meta di vacanza. Più contenuto l’incremento delle presenze, con un +5,6 per cento, ma comunque significativo: in un anno come il 2011, gli italiani che hanno scelto la Croazia non hanno accorciato il loro soggiorno. Al contrario, hanno incrementato in parte i loro pernottamenti nel Paese.

Il punto di forza del turismo croato risiede, giocoforza, nel mare e in un’offerta balneare che per il mercato italiano diventa il prolungamento delle coste nazionali a prezzi più competitivi rispetto alle spiagge italiane. Con caratteristiche differenti, sia a livello di struttura dell’offerta sia a livello di destinazione, ma sicuramente con uno sbilanciamento verso la convenienza che gioca a totale favore del Paese.

La ricchezza di isole e arcipelaghi al largo delle coste rende il Paese una destinazione perfetta per chi ama la vacanza in barca, ma l’offerta è ampia e diversificata su molti target, rispondendo alle richieste delle famiglie con bambini, delle coppie in cerca di relax o di clienti più giovane in cerca di divertimento e movida estiva.

L’ente del turismo promuove poi tipologie di fruizione di offerta alternativa, dall’ecoturismo alla vacanza attiva legata allo sport.
Un occhio di riguardo viene dedicato all’entroterra per valorizzare l’enogastronomia e la viticoltura come chiavi per la destagionalizzazione del territorio.

Vedi Croazia; Vedi tutti i dossier di Corto e medio raggio; Vedi tutti i dossier Leggi anche: Croazia

Commenti di Facebook