Una stagione da giocare

16/04/2012
16:31
Dopo le polemiche dello scorso anno sui rincari delle tariffe il settore marittimo cerca la riscossa con le prenotazioni per la prossima estate
Vedi Traghetti; Vedi tutti i dossier di Trasporti; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: Traghetti

Gli agenti di viaggi fanno scattare l’allarme. “Se non cambia qualcosa, i traghetti rischiano di diventare obsoleti”: è questo il messaggio che il trade vuol far passare.

La biglietteria marittima resiste, ma il business non promette di essere all’altezza di una stagione estiva che si rispetti, fermo restando, ovviamente, che il leit motiv della crisi non farà cambiare idea facilmente alle famiglie. Alla base di tutto manca la cara vecchia promozione ‘auto a 1 euro’, che portava clienti ad agenzie e compagnie di navigazione. Prima a farne le spese, la Sardegna. “La gente vuole venire in vacanza da noi, ma vede prezzi proibitivi sui trasporti”, argomenta Fabrizio Meloni, titolare della Feronia Viaggi di Budoni, in provincia di Olbia-Tempio.

E c’è chi decide di dirottare il traffico dal mare al cielo, approfittando delle offerte low fare delle compagnie aeree che volano sugli scali sardi. “L’anno scorso, di questi tempi - fa presente Gino Campanella, titolare della Conca d’Oro Viaggi, a Palermo - c’era già tanta gente che prenotava i traghetti, ma ora hanno tutti paura dei 10-20 euro in più”. Gli operatori marittimi reagiscono iniziando a mettere in campo nuove promozioni e formule speciali per sbloccare la situazione. Le major del trasporto passeggeri via mare stanno lanciando anche nuovi collegamenti. E mentre Tirrenia cerca di risolvere gli ultimi nodi del passaggio a Cin, Saremar riattacca i motori per la sua seconda stagione estiva.

La new entry del 2011, che aveva scosso il mercato dei traghetti, ha riaperto la Civitavecchia-Olbia, ma attende nuovi segnali per ampliare l’attività. Anzi, tenta il colpaccio e chiede alla Regione Sardegna che riveda al rialzo le tariffe: l’obiettivo è palese e si chiama break even. Sul versante adriatico, invece, il comparto traghetti sembra vivere un’atmosfera un po’ più rilassata. Sulla Grecia, secondo alcuni adv, le tariffe sarebbero ferme, anche se la domanda non ha ancora registrato i picchi del passato.

La destinazione incontra il gusto del target ‘young’, che compra il passaggio ponte sui traghetti.  L’ultima novità è sulla rotta Puglia-Grecia, dove Grimaldi Lines si rafforza con il collegamento tra Brindisi e Patrasso. Certo, il caro carburante non aiuterà a fare miracoli, ma il comparto ce la sta mettendo tutta.

Vedi Traghetti; Vedi tutti i dossier di Trasporti; Vedi tutti i dossier Leggi anche: Traghetti

Commenti di Facebook