Gooood morning Vietnam

Paolo Audino, Direttore Business Unit Tourism & Transport di Rimini Fiera SpA

L’Expo a loro insaputa

01/04/2015
16:13
Leggi anche: Expo 2015

Se chi guida Expo2015 avesse una capacità organizzativa pari a quella che ha nel manipolare i media, assisteremmo probabilmente alla più grande esposizione universale di sempre.

Dei famosi otto milioni di ticket venduti nelle varie occasioni da Renzi, da Sala e dalla solerte Serracchiani  (quella che dice di Landini “loro organizzano i cortei, noi organizziamo l’Expo” rendendo quasi simpatico il leader sindacale), quelli davvero acquistati non sarebbero in realtà nemmeno un milione.

All'estero la conoscenza e l'interesse per l'evento sono prossimi allo zero e i re-seller non stanno vendendo i biglietti, perché temono di rifilare una 'sola' ai loro clienti.

Infatti, adesso, oltre ai due milioni destinati alle coperture di magagne, lavori non finiti e macerie abbandonate, saltano fuori anche i tour organizzati per guidare, nelle prime settimane di apertura, i visitatori attraverso percorsi che evitino loro di vedere i lavori in corso.

Leggi anche: Expo 2015

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori