Gooood morning Vietnam

Paolo Audino, Direttore Business Unit Tourism & Transport di Rimini Fiera SpA

Aeroporti, non finisce qui

30/01/2013
11:21

Ci sono voluti quasi trent’anni per avere un piano nazionale aeroporti che recepisse indirizzi comunitari, logiche industriali e logiche tecniche. Adesso si scatenerà ogni tipo di polemica e alla fine, ne sono quasi certo, ai 31 scali indicati dal cosiddetto Piano Passera se ne aggiungeranno altri.

La conferenza Stato-Regioni prima, qualche ineffabile Tar poi, pressioni politiche, spinte di campanile e di tangenti faranno il resto e tra due o tre anni gli scali di interesse nazionale saranno diventati 40 o 50, vanificando ogni tentativo di razionalizzazione o riordino.

Non mancheranno gli appelli di esperti e consulenti di turismo che riferiranno dell’impossibilità di sviluppare aree in assenza di aeroporti. Tecnicamente tutte balle: a fare la differenza vera sono i collegamenti dagli scali alle aree, ma su quelli non si assegnano poltrone e soprattutto sono soluzioni di lunga durata, contrarie alla logica dell’investimento continuo, degli appalti ripetuti nel tempo, con tutte le automatiche belle cose che ne conseguono.

A ben guardare il piano un difetto comunque c’è.  Chiude, nella più italica delle tradizioni, la stalla dopo che i buoi sono scappati. Blocca la realizzazione di nuovi scali dopo che tanti sono stati costruiti, inutilmente ammodernati e dopo che immense quantità di denaro pubblico hanno ripianato buchi assolutamente prevedibili fin dall’inizio.

Il trasporto aereo non è scienza esatta ma poco ci manca, sicuramente è uno dei cardini strategici dello sviluppo di una nazione, dunque ben venga un piano di questo tipo.

Altro che Viterbo, aeroporto della Tuscia. Ma dai, siamo seri!


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori