Il turismo è veleno: arrivano le risposte degli operatori a Galli della Loggia

17/02/2017
14:43
 

Prendono posizione sulla questione del turismo come veleno per le città italiane e in particolare su Venezia anche le aziende del turismo.

Pubblicità

A rompere per primo gli indugi è Alberto Melgrati, amministratore delegato Halldis, che scrive a Ernesto Galli della Loggia una lettera aperta sulla questione. Che, sottolinea Melgrati, non è solo italiana. “Tutte le grandi città sono in ‘allerta turismo’ - dice -: i centri città si spopolano di residenti e si riempiono di turisti. Il caso di Venezia è eclatante, ma lo stesso vale per Firenze e Roma e Milano. Allo stesso tempo, quasi tutte le località montane e marittime, con l’eccezione di due sole zone in Italia, le valli dolomitiche trentine-altoatesine e il lago di Garda, sono alla disperata ricerca di turismo alternativo per non assistere allo spopolamento”.  

Melgrati propone poi alcune soluzioni per la gestione dei flussi individuate da località internazionali, da Charleston negli Usa al consorzio austriaco di Serfaus Fiss e Ladis, arrivando a concludere che il turismo non solo non è un nemico, ma è un vettore economico essenziale. Bisogna, però, capire, studiare e proporre soluzioni e idee per far convivere turismo e patrimonio.

Più legata alle questioni veneziane è invece la risposta de I Tolomazi, l’associazione di tour operator e agenzie fondato fra gli altri da Albatravel Venezia, Clementson e altri. “Riteniamo l'articolo un'ingiusta critica alla città, in quanto la maggior parte del turismo negativo che la invade non è a causa dei veneziani e dell'amministrazione, quanto invece di chi su Venezia ci lucra dalla distanza, senza rispettare la sua particolarità e fragilità” dice Andrea Gersich, m.d. Albatravel Venezia.  

E mentre difendono l’operato dell’amministrazione locale, si scagliano contro le affittanze turistiche, “che riteniamo immorali a fronte del danno causato alla residenzialità dei cittadini”. Nella sostanza, l’associazione rilancia la proposta di far gestire la questione dei flussi turistici agli operatori e ai professionisti del settore, che hanno competenza in materia.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook